1

La sagra di San Girolamo ha origini Certosine

La poetessa di Biadene, Angela Veronese ci lascia il racconto di una visita ai luoghi della Certosa nel 1789.

«Correva in quell’autunno la giornata di San Girolamo, santo protettore del Bosco del Montello, nel cui centro ombroso s’innalza una Chiesa ed un bel convento in cui viveano in santo ozio giovani robusti e vecchi sanissimi col titolo castissimo di Certosini che faceano la carità di alloggiare con tutte le formule nella ospitalità i passeggeri che colà si fermavano mossi dal bisogno e dalla curiosità. Mio padre, ch’era amico di alcuni di questi Anacoreti, mi condusse seco a vedere quel luogo, che in realtà era bellissimo per forma e situazione. Correva dico la giornata del loro Santo protettore, allorchè m’inviai con mio padre a quella volta. Fui veramente sorpresa, benche non solita a sorprendermi, in vedere tale spettacolo. Per tutte le strade del bosco si vedevano uomini, donne. vecchi, fanciulli, asini che portavano signore, carri che conducevano persone d’ogni sesso di ogni qualità; e tutti si inviavano alla Certosa peut on prendre viagra. Arrivati colà, tanto i nobili che i non nobili aprivano i loro cesti, deponevano i loro fardelli. spiegavano le loro salviette, esponevano le loro bottiglie, bottiglioni e perfino botticelle di vino. tutto sull’erba, non essendovi ne tavole. ne sedie, ne panche. Stese ed esposte le vivande sedeano confusamente Dame, Cavalieri, Militari, Contadino, Villani, Preti, Frati, etc. tutti mangiavano beveano, e facevano un chiasso di casa del Diavolo. Non ci mancava un’orda di suonatori, nemici acerrimi delle concordanze, i quali più ispirati da Bacco che da Febo pareva che avessero il furore nelle dita. Si cantava. si suonava, si rideva, si danzava da disperati. e finalmente giunta la sera tutti tornavano a casa camminando come le anatre, parte pel troppo vino tracannato, e parte per la poca cognizione delle strade e del bosco»

 

Commento (1)

  1. Reply
    Bertazzon Eugenio ha commentato

    Complimenti, anche la divulgazione dei documenti storici che riguardano i nostri luoghi, sono compiti essenziali della Pro Loco. Salve.

Condividi un commento