Villa Bidasio detta La Rotonda

Quello che resta della villa Bidasio detta La Rotonda si trova nella omonima località di Bidasio, ultima frazione del Comune di Nervesa in direzione Conegliano. La famiglia Priuli la fece edificare agli inizi del XVII secolo era composta da due edifici identici disposti in modo speculare rispetto ad un viale di accesso centrale che terminava in una edicola. L’area di pertinenza della villa Bidasio detta La Rotonda era racchiusa da un muro semicircolare, all’esterno si trovava la chiesa dedicata alla Madonna del Rosario e gli edifici destinati a cantina e granaio e alcune case dei contadini. I due fabbricati, identici nella dimensione e nella fattura erano molto probabilmente uno destinato a residenza e uno destinato a magazzino. La proprietà passo ai Foscarini, poi ai Verri e in ultima ai Bidasio degli Imberti. Un fabbricato venne distrutto alla fine del settecento, l’altro subì gravi danni durante la Battaglia del Solstizio (15-23 Giugno 1918) e fu successivamente demolito.
Oggi del complesso originario rimane parte del muro semicircolare che circondava il complesso, l’ingresso del viale monumentale, la Chiesa del Rosario, l’edicola e la cantina e il granai e alcune case di contadini. L’area oggi, la porzione delimitata dal muro semicircolare, è di proprietà del Comune di Nervesa, le rimanenti parti sono di proprietà privata. Della villa Bidasio detta La Rotonda oggi non rimane nulla, a ricordo delle dimensioni degli edifici, nell’attuale parco, a ridosso della recinzione Nord, sono state disegnate a terra sette campate in pietra.
La Chiesa dedicata alla Madonna del Rosario sebbene ha subito gravi danni durante la 1^ guerra mondiale è stata ricostruita e conserva al suo interno un altare in marmo attribuito al Comin.

“..le colonne (italiane) avanzano irresistibilmente … le tappe gloriose della lotta veramente epica: la Rotonda Bidasio dal muro circolare, contro la quale il nemico ha tempestato con granate tossiche ..”

A. Benedetti, cronista di guerra del Giornale d’Italia, martedì 25 Giugno 1918

Invia un commento

Devi essere logged in per pubblicare un commento .